SERIE C DILETTANTI: SALVEZZA!!!

FERROLI SAN BONIFACIO-CMB RHO 75-63
Parziali: 16-6, 33-32; 53-43

FERROLI: Biasi 15 (3/5, 1/6, 6/9 + 8 rimbalzi), Masè 3 (0/1, 1/3), Zanini 11 (3/3, 1/7, 2/2), Antonello 13 (1/3, 3/11, 2/2), Pigato 2 (1/2 da 2 + 6 PR + 2 ass), Panni 10 (1/2, 2/4, 2/2), Scala 5 (2/2, 0/1, 1/2 + 2 ass), Acco 12 (5/10 da 2, 2/2 tl + 9 rimb), Scramoncin 4 (2/2 da 2, 0/2 tl). Carlin n.e. All.: Ugo Schiavo.
RHO: Terrereran 8, D'Obici 2, Garanzini P. 8, Garanzini T. 2, Eriforio 2, Gurioli 2, Cappellari An. 10, Vavassori 7, Cappellari Al. 22. Tosi n.e. All.: Gurioli.
Arbitri: Almerigogna di Trieste e De Tata di Pordenone.
Note - Progressione: 5' 6-4, 15' 26-19; 25' 47-36, 35' 64-52. Tiri liberi: Ferroli 15/21, Rho 19/27. Usciti per 5 falli: Pigato al 35', Cappellari An. 36' e Scramoncin 38'; antisportivo Masè 17'. 




Adesso che il secondo "miracolo" si è compiuto, dopo una notte passata insonne a scaricare l'adrenalina di un'intera stagione vissuta pericolosamente, la gioia è grande. E legittima. Salvezza, meritata. Strameritata. E allora le pelle torna ad incresparsi e si leva alto l'orgoglio di far parte di quella piccola ma grande minoranza di matti appassionati con la schiena dritta e le idee chiare: che i soldi non sono tutto. Certo aiutano, e molto, e sicuramente li invidiamo a chi ne ha più di noi (praticamente tutti nel nostro campionato). Però non regalano il sapore di un'impresa sofferta fino all'ultimo, strappata con il cuore e con la testa, senza tradire i principi che dovrebbero insegnare a tutti un valore che resta cardine: a San Bonifacio si gioca a pallacanestro, non si lavora. E si crede in un progetto, tutti insieme per un obiettivo comune. Dedicando per questo tempo e tanto impegno, con un meraviglioso sacrificio, ripagato da un gruppo di bravi ragazzi e da un allenatore unico. Che ci rende fieri di essere così, decisi sulle nostre idee e della convinzione che la voglia di lottare ci possa portare a superare ostacoli più alti, più grandi, più forti. Semplicemente e onestamente bravi.

Grande cornice di pubblico al Palaferroli. Tanti amici, vecchi e nuovi, sono venuti a sostenere la nostra prima squadra e c'è il pienone dei ragazzi delle giovanili. Gara-3 stavolta comincia con il piede giusto. La tripla di Antonello e una palla recuperata da Pigato fanno volare la Ferroli sul 6-0. Rho si sblocca dopo 3'54" e risale fino al 6-4 a metà frazione, San Bonifacio reagisce con un parziale 10-0 aperto da Zanini (assist di Piga), dilatato da tre liberi di Biasi da Scramoncin imbeccato da Acco e chiuso da una tripla del capitano per il 16-4.
Nel secondo periodo comincia lo show di Alberto Cappellari. Il più giovane dei fratelli milanesi (figli di Toni, g.m. della Milano di Dan Peterson) mette subito due canestri e chiuderà il quarto con 17 punti (5/5 da 2, 5/6 ai liberi). I biancoazzurri tengono le distanze, Scramoncin e una tripla di Zanini confermano il +10 (23-13 al 14'), un minuto dopo Masè infila dalla grande distanza i suoi unici punti per il 26-15 contro la zona rhodense. Capitan Biasi realizza di tabella (28-19), poi sul 28-21 viene fischiato un antisportivo a Masè e Rho risale fino al 28-26 al 18'. Un trepunti di Antonello ricaccia indietro gli ospiti che trovano un altro minibreak 6-2 (percorso netto di Panni dalla lunetta) e all'intervallo il distacco è minimo: 33-32.
La scaramanzia è d'obbligo. Nelle quattro sfide precedenti la squadra in vantaggio all'intervallo poi ha sempre perso. Ma in questa "bella", ma come quest'anno, ognuno nella quadra porta il suo contributo fondamentale.
Sul primo possesso della ripresa Rho concretizza il sorpasso: canestro di Tommaso Garanzini che subisce fallo, ma sbaglia il libero aggiuntivo, 33-34.
La reazione della squadra di Schiavo non si fa attendere. Grande intensità difensiva ed un parziale 12-0 marchiato da tre canestri di Acco (ottimo il gioco a due con Scala) e due triple di Alessandro Panni: 45-34 al 24'.
Sambobasket è già in bonus e gli avversari capitalizzano dalla lunetta (47-40 al 26'), anche Peter Acco, fermato in contropiede, fa 2/2 dalla linea della carità ed un canestro di Scala dal perimetro riporta in doppia cifra il vantaggio biancoazzurro: 51-40 al 28'.
Passa un minuto e Biasi firma il +12 (53-41) e all'ultima pausa è 53-43.
In avvio dell'ultimo quarto la Ferroli piazza la mazzata decisiva: Acco trasforma un altro assist di Gionathan Scala, Zanini porta il vantaggio a 14 lunghezze, una schiacciata di Acco servito da Pigato inchioda il 59-43 al 32'. Subito dopo Peter s'infortuna, sostituito da Milo Scramoncin. La Ferroli comincia a giocare sfruttando il più possibile i 24", Manu Antonello timbra il massimo vantaggio sambonifacese sul 61-43 al 33'.
Cappellari sr. pesca in gioco da tre, ma c'è l'azione-fotocopia con Biasi (64-46) che intanto in difesa ha cancellato il top scorer rhodense. Pigato esce per falli, Rho trova un altro canestro+fallo e poi una tripla, ma sul 64-52 al 36' Manu Antonello fa piombare la tripla che apre il sorriso tra i tifosi di Sambobasket: 67-52.
Rho non si arrende, strappa un altro minibreak 5-0, stoppato da Zanini subito dopo l'uscita per falli di Scramoncin. L'intensità cala un po' gli avversari ne approfittano e Terreran piazza la tripla del 69-61 con 90 secondi da giocare.
La Ferroli non si lascia prendere dal panico. Da un pezzo Biasi e compagni giocano con l'orologio in mano. Rho va alla caccia del fallo; quando è già iniziato l'ultimo giro di lancette dell'orologio Mattia Zanini piazza i due liberi per riportano il margine a 10 punti. Biasi e Antonello lo seguono fedelmente ed arriva il momento di liberare l'urlo per la salvezza. E' qui la festa, al Palaferroli!

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna