SERIE D: PLAYOFF AL CAPOLINEA

Serie D timeout VeneziaFIAMMA VENEZIA-ATV SAN BONIFACIO 59-52
Parziali: 15-16, 24-27; 41-40 

ATV San Bonifacio: Della Pietra, Crivellaro, Quadrelli M. 3, Zanella 6, Bertini 5, Faye 6, Vanzini 9, Rizzi 5, Mojsovski 3, Gugole M. 15. All.: Francesco Benedetti.

La corsa di Sambobasket si ferma in laguna. La squadra di Francesco Benedetti e William Notaro si arrende anche in gara-2 ai veneziani della Fiamma Bassani che staccano il biglietto per i quarti di finale dei playoff, nei quali affronteranno il Salzano che ha eliminato il Peschiera.
Serie D a VeneziaIl danno maggiore è stato compiuto in gara-1 con un k.o. che ha messo subito con le spalle al muro i sambonifacesi, arrivati scarichi mentalmente al momento-clou della stagione, svuotati anche delle energie fondamentali per affrontare i playoff e una serie di partite ravvicinate.
L'intensità è stata ancora una volta l'arma di Venezia, ma l'ATV non è stata in grado di capitalizzare un primo tempo disastroso dei padroni di casa, chiudendo con tre soli punti di vantaggio all'intervallo per poi subire l'inevitabile reazione dei giocatori di coach Greco, che appena hanno alzato le percentuali di tiro si sono presi il comando della partita.
Sambobasket parte con il piglio giusto, tascinata da un ispirato Gugole che segna 9 punti di fila in avvio. Una tripla di Rizzi chiude il quarto e nel periodo successivo gli “orange” con un beak 0-6 firmato da due canestri consecutivi di Vanzini e uno di Faye allungano sul 15-22. Il massimo vantaggio si spinge sul 19-27 con un canestro e una tripla di Bertini, ultimo a uscire dalla panchina. Ma nel finale una disattenzione e un'ingenuità regalano un controbreak 5-0 alla Fiamma che rientra negli spogliatoi con un solo possesso da recuperare. E al di là del finale, pesano le numerose palle perse che hanno impedito ai sambonifacesi di avere un margine più cospicuo.
Serie D mani VeneziaCosì nella ripresa Venezia torna in campo con rinnovate speranze e un parziale 13-0 a cavallo dei due quarti centrali capovolge la partita: 32-27. I lagunari trovano buone conclusioni dal perimetro e continuano ad attaccare il ferro con Scarpa, ma pescano anche un paio di contropiede. Una tripla di Quadrelli tiene accese le speranze (45-43), però la Fiamma allunga ancora e scappa via definitivamente, senza patire la tripla di Vanzini nel finale. Così la stagione si conclude con un passo indietro rispetto ai quarti di finale raggiunti l'anno scorso, pregiudicando la positiva regular season. Il verdetto è amaro, ma il campo ha espresso questo e l'energia e le motivazioni di Venezia sono state nettamente superiori. Un ritorno a casa all'insegna della delusione, mitigato dalle ottime vivande offerte dalla “Meridiana” di Gianni Basso.